Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Podio 45 Km maschile

Domenica scorsa si è corsa la terza edizione della Stràgrandamonterosa. Oltre quattrocento gli atleti partecipanti alle diverse competizioni. Grande festa nei paesi della Valle Anzasca attraversati dai corridori.


La Sky Marathon km 45 con 3100 D+ è stata dominata da Stefano Radaelli in 5h35’ 26”. Il bergamasco della Valetudo Serim ha fatto il vuoto resistendo poi al ritorno di Luca Sogni (5h38’29”) e del valsesiano Simone Musazzi, già vincitore dell’Ultra Tour Monte Rosa del 2016 (km 116), che ha chiuso in 5h48’00”.
Fra le donne Giulia Saggin ha bissato il successo dello scorso anno, ottimo il suo tempo 6h49’21” e diciannovesima assoluta. Secondo posto per l’ossolana Nicoletta Rossetti 7h27’11” e gradino basso del podio per Federica Schiavini 7h34’24”.
Ottima la partecipazione degli atleti anzaschini: 11° posto per il macugnaghese d’adozione, Andrea Zangarini 6h38’41”. Seguono Damiano Fornetti 7h00’15” – Andrea Tonietti 7h09’13” – Damiano Pizzi 7h10’04” – Walter Berardi 7h15’18” – Roberto Rolando 7h51’29”.
Decimo assoluto con il tempo di 6h37’36” è giunto al traguardo l’inossidabile Max Valsesia.
Novità di quest’anno il percorso che dalla località Sceber imboccava la mulattiera per il Lago delle Fate e da lì via verso l’alpe Bletz, Lago Secco, alpe Rosareccio, Piani Alti di Rosareccio (2090 m e punto più elevato del percorso), rifugio Zamboni, Belvedere, Pecetto e arrivo al Centro Sportivo.



La Stràgrandamonterosa Race di 32 km con 1950D+ è stata vinta da Francesco Mascherpa (Calcaterra Sport) con 3h13’29”. Piazza d’onore per Ruben Mellerio 3h17’12”. Terzo posto per Saverio Ottolini 3h17’47”. La gara femminile è stata appannaggio di Alice Pedroni (Sport Project VCO) 3h57’20”. Seconda Loretta Gualtieri (Gsd Genzianella) 4h10’56” e terza Paola Buzio (Sport & Sportivi) 4h14’18”.
Suggestivo il passaggio in prossimità della località Ronco, quando gli atleti hanno dovuto passare fra due alti muri di neve, residuo delle valanghe invernali.

La Stràgrandamonterosa Staffetta a Tre maschile è stata dominata dalla squadra dello Sport Project Vco con Mattia Scrimaglia-Marco Giudici-Mauro Stoppini con 2h41’28”. Al secondo posto la Asd Caddese con Ivan Fantoli-Fabio Falcioni-Giuliano Bossone con 2h46’46” e Terza piazza per l’Asd Valbrevettola con Andrea Sartori-Michele Grossi-Lorenzo Antonioletti 2h59’34”.
Ai vincitori è stato consegnato il trofeo “Gigi Corti - Un alpino non muore mai”.
Premio speciale alla staffetta dell’Ana Domodossola con Donato Banchini-Claudio Sonzogni-Giacomo Gambarri 4h20’01”

Staffetta a Tre femminile: Marilena Fall-Chiara Cerlini-Tiziana Di Sessa (Sportway Team Running) 3h33’15”. Piazza d’onore per Claudia Cartini-Elisa Argano-Patrizia Tortora (Le Beer bantelle) 3h49’45”. Terze classificate: Valeria Bergamaschi-Marta Apostolo-Marta Ferrari (Trio Rosa Cannobiese) 4h04’24”.

Staffetta a Tre mista: vincono: Alessandro Lacqua-Eugenia Vasconi-Marco Vito Tiozzo (Insieme per caso) 3h20’16”. Al secondo posto: Andrea Stefano Gagliardi-Isabella Maestri-Davide Borghi (SPQR - Sorridi per qualsiasi ragione) 3h29’33”. Terza piazza per: Andrea Job-Chiara De Stefano-Mattia Antonietti (Cugini di campagna) 3h32’43”.
Dopo aver applaudito i corridori è doveroso uno speciale ringraziamento ai numerosi volontari disseminati lungo tutto il percorso e al team organizzativo guidato da Federico Corti e Andrea Lometti che quest’anno hanno dovuto lavorare molto di più nella sistemazione dei sentieri che erano stati danneggiati dalla neve e dalle valanghe.
In chiusura Federico ribadisce un concetto più volte espresso: «La Stràgrandamonteosa non è una semplice manifestazione sportiva. È valorizzazione del territorio ed è una festa per l’intera valle Anzasca.
Altro nostro punto di forza e distinzione è la solidarietà che resta per noi un obiettivo prioritario».

L’appuntamento con la quarta edizione della Stràgrandamonterosa è fissato per domenica 30 giugno 2019.