Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

lenzi

Quest’anno la gara avrà due appuntamenti, sarà Coppa Italia Sprint e Individual Top Classic.

Sabato 31 Marzo 2018
Coppa Italia Sprint
L’ideatore e direttore del percorso, Fabio Iacchini, maestro di sci e guida alpina, presenta i tracciati scelti per le due finali di Coppa Italia. Per il percorso della spettacolare “Gara Sprint” abbiamo optato per una zona in grado di garantire la massima spettacolarità all’evento. Abbiamo scelto l’area attigua al Vecchio Tiglio e all’antico Dorf, a due passi dal centro di Macugnaga. La “Sprint” sarà senza dubbio una prova emozionante con diverse batterie e qualificazioni a cronometro, per tutte le categorie. Alla finalissima accederanno i sei meglio classificati nelle precedenti prove. Il pubblico potrà assistere da vicino ai vari passaggi degli atleti e seguirli lungo l’intero tracciato. Lo spettacolo è assicurato!

Domenica 1° Aprile 2018
Individual Top Classic
La spettacolarità di questa gara inizia dal luogo scelto per la partenza: il Belvedere, al limitar dell’omonimo ghiacciaio, nei pressi della stazione a monte della seggiovia. Il percorso vedrà i concorrenti dell’ “Individual Top Classic” attraversare il ghiacciaio in direzione dell’Alpe Fillar. Da qui saliranno in prossimità del bivacco “Belloni” dove è collocato il primo cambio assetto. Messi i ramponi, gli atleti proseguiranno fino a quota 2500 m dove ci sarà il secondo cambio. Da quassù inizieranno la discesa del canalone Tyndall fino a raggiungere quota 1900 m dov’è previsto il terzo cambio.

percorso

fabio iacchiniProseguimento fino al punto di ristoro “gazebo festival“ da qui via in direzione conca della Pedriola con passaggio presso la cappella Pisati e successiva salita al Lago delle Locce. Quarto cambio a cui seguirà una breve discesa che condurrà al quinto cambio, direzione rifugio Zamboni Zappa, si proseguimento in salita sul lato destro del canale Chiovenda, qui le categorie Junior e Senior femminile riscenderanno all’Alpe Pedriola. Gli atleti Senior maschile proseguiranno la salita verso il sesto cambio. Messi nuovamente i ramponi dovranno raggiungere il Colletto del Pizzo Bianco a quota 2900 m, effettuare il settimo cambio d’assetto ed iniziare la discesa finale che li porterà dapprima ai Piani Alti di Rosareccio e poi giù verso il muro della pista del Belvedere passando là dove era tracciata la vecchia pista di Rosareccio. Arrivati all’alpe Burki dovranno proseguire per l’abitato di Opaco dov’è posizionato l’ottavo e ultimo cambio. Da qui, sci nello zaino, e volata finale verso il traguardo collocato in piazza Municipio. Sarà sicuramente una gara assai tecnica dove le doti dei singoli potranno ben risaltare. Dislivello positivo 1750 m.
Buona gara e in bocca al lupo.

 

Sopra; Fabio Iacchini direttore del percorso

TROVATE QUESTO ARTICOLO E ALTRI SERVIZI SUL NUOVO GIORNALE IN ARRIVO NELLE EDICOLE E NELLE CASE DEGLI ABBONATI!
OPPURE REGISTRATI AL SITO E SCARICA LA TUA COPIA DIGITALE

Foto © Rosa La Valle e Area Photo