Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Nello snowboardcross è ancora grande Italia sulla pista di Mosca, grazie al lavoro dei due skiman anzaschini, Claudio Consagra e Riccardo Ronchi, Michela Moioli, dopo l’oro olimpico, ha vinto anche la Coppa del Mondo. Ottimo successo anche per la il duetto maschile composto da Omar Visintin ed Emanuel Perathoner.

© foto Luca Pozzolini

Per Michela Moioli è stata una gara con grande suspence, vissuta su tre tempi che hanno aumentato la tensione ma che alla fine hanno comunque sugellato la vittoria dell’atleta bergamasca. 
La prima discesa è stata subito fermata dai giudici. Seconda prova sembrava regolare ma ricorso della squadra francese e annullamento. Terza discesa, gara valida, con terzo posto per Michela Moioli che ha così conquistato la Coppa del Mondo con una gara d’anticipo.
Contentezza alle stelle nell’equipe tecnica italiana con grande esultanza e festa. 

Michi ha detto: «Dedico la vittoria a tutto il mio team, perché è più facile vincere una gara sola come quella olimpica, mentre per conquistare la Coppa del Mondo il lavoro è più impegnativo e deve essere costante».

Con il risultano di Mosca il team maschile  formato da Visintin e Perathoner guida la classifica di specialità e a Veysonnaz, gara conclusiva, basterà loro qualificarsi per la finale per essere aritmeticamente certi di vincere la coppa di cristallo di specialità.