Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Fra poche settimane inizierà l’edizione numero XXIII dei Giochi Olimpici Invernali che si terranno a Pyeongchang (Corea del Sud).
Tutti guardano alla composizione delle squadre, agli atleti e alle possibili medaglie da conquistare.
Ma oltre agli atleti, partecipano alle Olimpiadi anche molti tecnici, preparatori, giudici, cuochi. In questa moltitudine spiccano anche due anzaschini di Ceppo Morelli: Claudio Consagra e Riccardo Ronchi, skiman della squadra italiana di snowboardcross.

Claudio Consagra e Riccardo Ronchi

Un lavoro dietro le quinte ma di primaria importanza, indispensabile e determinante per andare a medaglia. Ma loro sanno come fare per preparare al meglio le tavole infatti quest’anno, il frutto del loro lavoro si è già potuto constatare nelle prove di Coppa del Mondo: podio a settembre in Argentina ripetuto a dicembre in Francia. Vittoria in Austria in campo femminile e a Cervinia due primi posti, maschile e femminile, con Omar Visintin e Michela Moioli.
Per loro, gennaio sarà un mese d’intensa preparazione: ora si trovano in Turchia. Poi sarà la volta della Bulgaria, dove gli atleti si giocano la qualificazione olimpica.Ultima tappa in Germania quindi, giovedì 8 febbraio, partenza per la Corea in tempo per partecipare alla cerimonia inaugurale.
Poi i giorni più attesi, il 15 e 16 febbraio gareggeranno gli atleti dello snowboardcross della nazionale italiana.
Il compito di Claudio e Riccardo, sarà quello di preparare delle tavole super veloci in grado di fare trionfare gli azzurri.

Gli skiman anzaschini al lavoro

Complimenti ai due giovani tecnici, al loro lavoro, alla loro competenza, tenacia e volontà. Una partecipazione olimpica resta indelebilmente segnata nella carriera personale.
Claudio Consagra (1987) da sei stagioni in squadra A nazionale snowboardcross e oggi responsabile tecnico skiman in forza all’Esercito Italiano di stanza a Courmayeur, papà di Chiara.
Riccardo Ronchi (1995) da due stagioni in squadra e prossimo alla laurea in Scienze Motorie.
Entrambi maestri di sci nordico. Entrambi di Ceppo Morelli e, fin da ragazzi, portacolori dello Sci Club Valle Anzasca e dello Ski College Marconi di Domodossola.

Testo e Foto MCT