Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Anche l’Italia si avvia ad attuare una rigida regolamentazione per l’eliski in linea con quanto indicato dalla Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi (CIPRA) e con quanto già in essere in altri paesi alpini.

eliski monterosa

La decisione è del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è contenuta nella risposta data lo scorso 12 gennaio all’interrogazione presentata da Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, supportato dall’onorevole Enrico Borghi.

È intendimento del legislatore, vietare o almeno limitare fortemente l’eliski con una regolamentazione particolarmente rigorosa.

Ermete Realacci, già presidente di Legambiente, ha così commentato: «Regolamentare in modo rigoroso questa pratica significa garantire maggiore sicurezza alle persone e permette di puntare su un turismo più sostenibile e sempre più attrattivo per il futuro».

La CIPRA segnala che attualmente le attività di eliski sono interdette in Germania, Slovenia e Liechtenstein. In Francia vige un divieto generalizzato, spesso ignorato. In Austria è consentito unicamente nella regione dell’Arlberg, con soltanto due destinazioni. In Svizzera è consentito l’atterraggio su una quarantina di siti (la maggior parte sono nel Canton Vallese), ma la Confederazione elvetica starebbe per ridurre i voli nella zona del Monte Rosa in quanto considerata zona di alto pregio ambientale.

Grande successo per l’edizione 2018 del Calendario edito da “IL ROSA”

Le splendide immagini del Monte Rosa sono state molto apprezzate ed hanno ottenuto ottimo riscontro fra i lettori ed i frequentatori di Macugnaga e della Valle Anzasca.
Mentre in redazione stiamo già pensando all'edizione 2019vi ricordiamo che ne restano pochissime copie a disposizione di coloro che vorranno tenere il pregevole calendario nella loro personale collezione. Spedizione postale con raccomandata contrassegno euro 20 inviando la richiesta via mail a: redazione@ilrosa.info 
Calendario Il Rosa 2018