Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

×

Errore

[sigplus] Critical error: Image gallery folder AlpeGiavine is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

[sigplus] Critical error: Image gallery folder AlpeGiavine is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

Bannio: con decisione e impegno, un corposo gruppo composto dagli Escursionisti Val Baranca del presidente Giovanni Pozzoli, coadiuvati dagli uomini del Gruppo Alpini di Bannio, guidati dal capogruppo Sandro Bonfadini, e altri volontari hanno riportato agli antichi splendori uno storico sentiero che un tempo collegava diversi alpeggi siti in valle Olocchia.

Taglio alberi, ritracciatura del sentiero, rifacimento di muretti e ottima segnatura, è stato fatto un grande lavoro a disposizione degli escursionisti che sempre più numerosi frequentano queste montagne. Dalla località Giavine 857 m) diparte il sentiero, ad anello, che collega, Gabi dul Sir, Castelletto, Frachia, Pizzone, Stur, Cerf e ritorna all’alpe Giavine.
Sono state formate due squadre operative che dopo il grande lavoro si sono date convegno all’alpe Cerf dove Adriano Tettone ha predisposto un apprezzatissimo banchetto defatigante.
La giornata s’è conclusa con il ricordo di Lino Vittoni, ucciso dai nazifascisti a cui è seguito un pomeriggio di canti e allegre musiche proposte dalla Bandella di Bannio.
Giova ricordare che lo scorso anno è stato inaugurato a Bannio un “posto tappa” assai utile per gli amanti dei lunghi ed impegnativi trekking alpini.

{gallery}AlpeGiavine{/gallery}

Grande successo per l’edizione 2018 del Calendario edito da “IL ROSA”

Le splendide immagini del Monte Rosa sono state molto apprezzate ed hanno ottenuto ottimo riscontro fra i lettori ed i frequentatori di Macugnaga e della Valle Anzasca.
Mentre in redazione stiamo già pensando all'edizione 2019vi ricordiamo che ne restano pochissime copie a disposizione di coloro che vorranno tenere il pregevole calendario nella loro personale collezione. Spedizione postale con raccomandata contrassegno euro 20 inviando la richiesta via mail a: redazione@ilrosa.info 
Calendario Il Rosa 2018