Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Non tutti si ricorderanno della Scuola Alberghiera “Baita dei Congressi” esistente a Macugnaga. Nei tredici anni della sua esistenza in questa Scuola Alberghiera sono stati formati ben 636 ragazzi/e che da qui hanno spiccato il volo e si sono sparsi per il mondo.
Baita dei congressi

La storia
Nel 1973 apriva a Macugnaga la Scuola Alberghiera “Baita dei Congressi”, opera fortemente voluta da Don Sisto Bighiani, prevosto di Macugnaga dal 1945 al 1979. Lui, prete e uomo della Resistenza, realizza prima la costruzione della “Baita dei Congressi” e poi al suo interno dà vita all’Istituto Professionale Alberghiero, per la formazione professionale dei giovani anzaschini e ossolani.
La Scuola Alberghiera “Baita dei Congressi” entra in attività nell’ottobre 1973.
Articolata in tre sezioni di carattere teorico e pratico: addetti ai servizi di cucina, addetti ai servizi di sala-bar e addetti alla segreteria e all’amministrazione d’albergo.  La scuola ottiene il riconoscimento legale nel 1976 ed è completamente impiantata e funzionante anche come convitto.
L’istituzione voluta da don Bighiani rappresenta probabilmente il primo esempio in Italia di “Scuola-Albergo”.
Nel 1974, l’allora commissario governativo Giannina Paglino relaziona: “Tutta l’opera, nel suo complesso, mi appare di valore altamente sociale e civico”.
Ma il 30 ottobre 1979 don Sisto Bighiani perde la vita in un tragico incidente automobilistico avvenuto a Pontegrande.
La Scuola Alberghiera viene affidata al Collegio De Filippi di Arona, che ne riduce le sezioni e trasferisce la sede da Staffa a Pecetto, aumentando anche il numero degli studenti.
Ma il mantenimento della Scuola Alberghiera “Baita dei Congressi” a Macugnaga cessa e, nel 1986, dietro l’interessamento del Vescovo di Novara, Mons. Aldo Del Monte, la gestione passa ai Padri Rosminiani e la sede viene trasferita a Domodossola, presso il Collegio Mellerio Rosmini.
Nel 1990 cambia anche la denominazione e nasce l’Istituto Alberghiero Mellerio Rosmini.
La trasformazione prosegue con il ritiro dei Padri Rosminiani e dal 1998 la gestione dell’Istituto passa a una cooperativa composta in maggioranza dagli insegnanti della scuola.
Attualmente l’Istituto Alberghiero Mellerio Rosmini offre una solida preparazione pratica, sostenuta da una forte base teorica, in un percorso quinquennale che porta a ottenere il diploma di maturità e a vedersi aprire molte porte verso un mondo alberghiero-ristorativo di alto livello.

L’avvenimento
Saranno proprio loro, gli ex-allievi della “Baita dei Congressi” di Macugnaga e quelli dell'Istituto Alberghiero Mellerio Rosmini che si incontreranno, lunedì 6 novembre, presso il Collegio Mellerio Rosmini di Domodossola per l’annuale incontro.
Ecco il programma della giornata:

Ore 10.00 Registrazione dei partecipanti.

  • Benvenuto da parte di Claudia Oggiani, coordinatrice delle attività didattiche ed educative dell’I.P.P.S.E.O.A. “Mellerio Rosmini”.
  • “Dalla cucina al turismo: la comunicazione per i protagonisti del settore alberghiero di oggi e di domani” relatore, Filippo Ceretti, Cieffe Communication.
  • “Lavoro, l’arte della sua ricerca” relatore Angelo Martinetti, sales manager strategy & operations - Marriott International).
  • Consegna delle Borse di studio per i neodiplomati anno scolastico 2016/17.
  • Concluderà i lavori, Ilario Bonzani, Presidente dell’Associazione Ex Allievi Alberghiero Rosmini.

Ore 12.45 – Aperitivo e lunch dell'Amicizia presso il ristorante didattico dell'Alberghiero Rosmini.

Ore 14.30 Assemblea ordinaria degli ex-allievi: prospettive e obiettivi futuri.

Grande successo per l’edizione 2018 del Calendario edito da “IL ROSA”

Le splendide immagini del Monte Rosa sono state molto apprezzate ed hanno ottenuto ottimo riscontro fra i lettori ed i frequentatori di Macugnaga e della Valle Anzasca.
Mentre in redazione stiamo già pensando all'edizione 2019vi ricordiamo che ne restano pochissime copie a disposizione di coloro che vorranno tenere il pregevole calendario nella loro personale collezione. Spedizione postale con raccomandata contrassegno euro 20 inviando la richiesta via mail a: redazione@ilrosa.info 
Calendario Il Rosa 2018