Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Venerdì 12 e sabato 13 maggio la stazione alpina ai piedi del Monte Rosa ospiterà un Convegno Scientifico Internazionale dedicato a “La cheratocongiuntivite negli ungulati di montagna: aggiornamenti e prospettive 35 anni dopo”.

camosci
© foto la Valle del Rosa

Infatti nel c’era stata una vera e propria ecatombe con oltre duecento camosci morti. “Il conteggio esatto delle vittime dell'epidemia che ha colpito gli animali agli occhi è però impossibile”, dicevano allora i guardacaccia ossolani. Tutti gli esemplari che erano stati catturati e collocati negli appositi “lazzaretti”, sono morti.

L'epidemia si era manifestata dapprima nella zona di Rima e Carcoforo poi il contagio si era propagato in modo fulmineo nell'oasi faunistica di Macugnaga falcidiando decine di soggetti.

Adesso, a 35 anni dalla prima esperienza di ricerca sulla cheratocongiuntivite del camoscio e dello stambecco avvenuta sul territorio di Macugnaga si terrà un Convegno Internazionale sull’argomento.

Mauro Borretti, consigliere comunale a Macugnaga con delega all’Ambiente e alle Aree Protette, intervistato da Cristina Tomola spiega: «Con il bene placet dell'Amministrazione comunale di Macugnaga sono riuscito, con la collaborazione delle facoltà di veterinaria delle Università di Torino e di Milano e della SIEF (Società internazionale di ecopatologia della fauna selvatica), ad organizzare il Convegno Scientifico Internazionale: La cheratocongiuntivite negli ungulati di montagna: aggiornamenti e prospettive (35 anni dopo)».

cher

Il programma prevede:

venerdì 12 maggio, ore 13.30, presso la Kongresshaus, ricevimento dei partecipanti a cui seguirà il saluto delle autorità.

Sarà quindi aperta la sessione ”Storia e aggiornamenti sulla cheratocongiuntivite del camoscio”.

Interverranno: Paolo Lanfranchi - DIMEVET Università degli Studi di Milano - “1981/82 – “Le prime segnalazioni di cheratocongiuntivite sulle Alpi italiane: la genesi dell’approccio scientifico”.

Marco Giacometti presenterà “Storia epidemiologica della cheratocongiuntivite infettiva del camoscio”. 

Dominique Gauthier - Directeur du Laboratoire Départemental Vétérinaire et d'Hygiène alimentaire des Hautes-Alpes illustrerà: “Epidemiologia e dinamica di infezione della cheratocongiuntivite del camoscio”.

Coffee break.

Poi sarà la volta di Piergiuseppe Meneguz e Luca Rossi del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino che presenteranno: “Epidemiologia spaziale della cheratocongiuntivite infettiva nelle Alpi”. Seguirà Jean Paul Crampe - Ancien chef de secteur au Parc national des Pyrénées che in collaborazione con Dominique Gauthier, illustrerà: “Clinica individuale della cheratocongiuntivite infettiva nel camoscio”. Chiuderà Bruno Bassano del Parco Nazionale del Gran Paradiso che tratterà “Cheratocongiuntivite nello Stambecco: differenze e somiglianze con il modello camoscio”.

Sabato 13 maggio, alle ore 09.00, la seconda giornata si aprirà con l’intervento di Luca Rotelli che analizzerà “Nuove dinamiche di popolazione sulle Alpi”.

Stefano Grignolio - Group for Large Mammals Conservation and Management (GLAMM-ATIt) presenterà: “Nuove dinamiche di popolazione degli Ungulati alpini”.

Francesca Marucco – Coordinatore tecnico scientifico del Progetto LIFE Wolfalps (Parco Naturale Alpi Marittime) illustrerà: “I grandi predatori: mortalità additiva negli ungulati alpini?”.

Carlo Citterio – Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie analizzerà: “Nuove dinamiche ecopatologiche: integrazione dei trend ecologici e sanitari”.

Coffee Break.

Nella quarta parte del Convegno, moderata da Piergiuseppe Meneguz sarà analizzato il tema “Quale gestione sanitaria per gli ungulati selvatici?”.

Santiago Lavin - Responsabile SEFAS, Universitat Autonoma de Barcelona, presenterà “I pestivirus”.

Jean Hars - Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage con “La brucellosi”.

Luca Rossi - Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino con “La rogna”.

Il Convegno Scientifico Internazionale: “La cheratocongiuntivite negli ungulati di montagna” si chiuderà con una Tavola Rotonda a cui parteciperanno Jean Paul Crampe e Bruno Bassano che dibatteranno su “La cheratocongiuntivite infettiva” mentre Dominique Gauthier - Directeur du Laboratoire Départemental Vétérinaire et d'Hygiène alimentaire des Hautes-Alpes presenterà “L'interfaccia domestico-selvatico”.