Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Luca Sergio di Meteo Live Vco segnala la presenza di una coppia di Gipeti al Belvedere. L’eccezionale avvistamento è stato possibile grazie alle riprese della webcam del progetto “Ghiaccio Vivo”. 


Come si ricorderà, lo scorso gennaio il Gipeto (Gypaetus barbatus L.), comunemente noto come "aquila barbuta" o "avvoltoio degli agnelli", era stato visto ed immortalato dal colonnello Massimo Mattioli, comandante provinciale del Corpo Forestale e dal sovrintendente capo Stefano De Carli, sulle balze rocciose del Faderhorn (Pizzo della Croce) 2477 m, al centro dell’Oasi Faunistica del Monte Rosa.

Luca Sergio aggiunge: «Era nell’aria… il Gipeto al ghiacciaio Belvedere. Prima o poi una delle nostre webcam riprendesse qualcosa di interessante a livello faunistico. Lo scorso anno fu il camoscio Bell e adesso “l’aquila barbuta”. La mattina del 1° aprile la webcam ha immortalato questo straordinario evento che valorizza e conferisce sempre maggior pregio ed importanza all’Oasi Faunistica del Monte Rosa».
Dal canto suo Paolo Crosa Lenz, Presidente delle Aree Protette dell’Ossola, sottolinea: «Il successo della reintroduzione del gipeto, confermata dal doppio avvistamento di Macugnaga, e il ritorno dei grandi predatori (lupo e lince) sono indicatori positivi di come, anche grazie all’opera positiva e feconda delle aree protette, gli equilibri ecologici sulle Alpi si stiano ricomponendo nella direzione di una positiva coesistenza tra vivere dell’uomo e leggi della natura».