Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Luca Sergio, di MeteoLive Vco dopo recenti rilevamenti fotografici, segnala: «La lingua di ablazione, un enorme blocco di ghiaccio ricoperto di detriti, mostra i primi crepacci da frammentazione. Pertanto diventa sempre più pericoloso attraversare il ghiacciaio del Belvedere».
Prosegue Luca Sergio nella sua disanima: «In prossimità della breccia di Castelfranco (Foto 1) la lingua di ablazione mostra dei crepacci trasversali. Questi crepacci (Foto 2) solitamente si hanno su un ghiacciaio o sulla fronte o in prossimità di un dosso roccioso. Il ghiacciaio prendendo velocità sulla parte in discesa del dosso si frammenta a monte. In questo caso non siamo né in prossimità della fronte né su un dosso roccioso, è quindi ipotizzabile che nella parte a valle dei crepacci l’acqua di fusione, più l’acqua che entra dalla breccia di Castelfranco abbia eroso il ghiacciaio facendolo abbassare e creando così un “dosso” naturale, (Foto 3) da qui i crepacci a monte. È anche possibile che la zona sia pericolosa per improvvisi cedimenti come passaggio per i sentieri che portano al di là del ghiacciaio stesso».

Prosegue Luca Sergio: «Come si vede in questa immagine dell’agosto 2016 (Foto 4), i crepacci erano assenti o appena accennati, quest’anno c’è stata un’importante accelerazione. Possiamo anche vedere (Foto 5), dalle immagini della nostra webcam, il raffronto fatto l’11 settembre del 2016 e del 2017. Sono evidenti crepacci che si sono formati nell’ultimo anno. Quale lo scenario futuro? Nei prossimi anni, potrebbe essere che la lingua di ablazione non solo fonda su sé stessa come un peso morto ma si possa anche dividere in tre o quattro distinti enormi blocchi di ghiaccio».


Foto : MeteoLiveVco

Grande successo per l’edizione 2018 del Calendario edito da “IL ROSA”

Le splendide immagini del Monte Rosa sono state molto apprezzate ed hanno ottenuto ottimo riscontro fra i lettori ed i frequentatori di Macugnaga e della Valle Anzasca.
Mentre in redazione stiamo già pensando all'edizione 2019vi ricordiamo che ne restano pochissime copie a disposizione di coloro che vorranno tenere il pregevole calendario nella loro personale collezione. Spedizione postale con raccomandata contrassegno euro 20 inviando la richiesta via mail a: redazione@ilrosa.info 
Calendario Il Rosa 2018