Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

×

Errore

[sigplus] Critical error: Image gallery folder GianniSandro is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

[sigplus] Critical error: Image gallery folder GianniSandro is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

La rete sentieristica italiana, lunga sessantamila km, è tra le più vaste d’Europa. Recentemente la Regione Piemonte ha finanziato importanti progetti per sostenerla e valorizzarla, ma queste iniziative non avrebbero valore se  migliaia di volontari, che ogni anno seguono il ripristino delle alte vie, smettessero le loro attività.
"I sentieri devono essere aperti, ripristinati e accatastati ma è indispensabile mantenerli nel tempo, non dimenticarli perché altrimenti la vegetazione o le valanghe, anno dopo anno, tornerebbero a cancellarli”.
Così esordisce Gianni Fantonetti sollecitato dalle mie domande.
"I sentieri sono pubblici e il lavoro dei volontari va a beneficio di tutti: escursionisti, alpigiani, fungiatt, cacciatori e boscaioli, ma a  volte, ci tocca sostituire cartelli e segnavia danneggiati da vandalismi.
Altra nota dolente è  il ricambio generazionale, sono pochi i giovani che si avvicinano alla montagna oggigiorno."
Qual è , nello specifico, il tuo lavoro di volontario?

"Ho aperto alcuni sentieri nelle valli Baranca e Olocchia realizzando a mano i segnavia. Utilizzo materiali resistenti che dipingo e su cui trascrivo con un pennellino il nome dell’itinerario".
Questa è l’attività…d’ufficio, ma sul campo le cose cambiano.
"Certo poi c’è la parte più faticosa, pulizia, sistemazione , sgombero di detriti, posa dei cartelli. Un aiuto indispensabile l’ho avuto da Alessandro e Tiziano Bonetti di Calasca. Alessandro un giorno, attraversando un vallone, è schizzato via come un sasso. Pensavo fosse morto dopo un volo di cinquanta metri.
Il giorno dopo l’ho ritrovato, pesto ma intero, all’ospedale di Domodossola"
Cosa vi spinge a dedicarvi così intensamente alla cura di queste montagne , qual è la ragione che vi rende così assidui e determinati?
Non c’è dubbio che la passione è il volano di questa attività volontaristica, e poi il radicamento a questa terra che ha condizionato le nostre vite di montanari. Mio padre Romeo è morto di silicosi nel 1947 a 29 anni. Io avevo appena sette mesi.
Anche Vincenzo il padre di Sandro è morto nel 1973 per la stessa malattia contratta nelle miniere dei Cani.
Percorrere questi sentieri è un avvicinamento ideale alle persone che ci hanno preceduto nonché un adempimento al regolamento del CAI che stabilisce di “ mantenere in efficienza strutture ricettive e sentieri.
Sulla tessera di ogni socio CAI è stampata una citazione di Guido Rey: la montagna è fatta per tutti, non solo per gli alpinisti: per coloro che desiderano il riposo nella quiete come per coloro che cercano nella fatica un riposo ancora più forte.

Testo e foto
Marco Sonzogni

{gallery}GianniSandro{/gallery}

Grande successo per l’edizione 2018 del Calendario edito da “IL ROSA”

Le splendide immagini del Monte Rosa sono state molto apprezzate ed hanno ottenuto ottimo riscontro fra i lettori ed i frequentatori di Macugnaga e della Valle Anzasca.
Mentre in redazione stiamo già pensando all'edizione 2019vi ricordiamo che ne restano pochissime copie a disposizione di coloro che vorranno tenere il pregevole calendario nella loro personale collezione. Spedizione postale con raccomandata contrassegno euro 20 inviando la richiesta via mail a: redazione@ilrosa.info 
Calendario Il Rosa 2018