Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Cliniche Dental

Donazioni PayPal

Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Amici del Rosa

 

la valle del rosa

 

Forum Tre di Croppo

Giacomo al "lavoro"Vedere oggigiorno un campanaro in azione è avvenimento raro, ma non nel piccolo villaggio di Croppo, Comune di Ceppo Morelli.
Qui risiede Giacomo Sandretti, classe 1943 ed è lui che, in occasione dell’annuale festa patronale dedicata a Maria Bambina, suona le campane del Santuario.
L’abbiamo incontrato nella sua casa di Croppo.
Complimenti è uno spettacolo vederti suonare le campane, sei un vero artista.
«Grazie. Suono per mantenere una storica tradizione e lo faccio solo in occasione della festa del nostro piccolo paese, la prima domenica di settembre».
Ma come hai imparato?
«Seguendo fin da bambino l’allora sacrestano Giovanni Pinaglia (Giuan dla Veula) di Vanzone. Lo seguivo ogni volta tra le strette scale fino alla cima del campanile e guardavo ogni sua mossa nel sistemare catenelle, leveraggio e campane per poi battere con mosse decise e ritmate sulla "tastiera" fatta di semplici legni. Qui sono possibili poche sonate per campane poiché nel campanile ce ne sono soltanto tre. Io mi limito ad una sonata classica e ad una più elaborata».

Insegni a qualcuno l’arte campanara?
«Mi ritengo un artigiano e non un maestro, però sto insegnando il “suonar le campane” a mio figlio Alain che è già in grado di suonarle in maniera autonoma».
Cosa ti ricordi del tuo “insegnante”?
«Giuan dla Veula era un personaggio storico molto legato al Santuario del Croppo ma ricordato da molti (i meno giovani) come “gestore” dell’osteria, che prendeva vita una settimana all’anno, in occasione della festa patronale. Nasceva all’interno di una “baracca” di legno sita a lato dell’allora strada statale. Un’osteria dove si serviva tanto vino e la rituale “mascarpa con patati par buiura” (ricotta con patate bollite). L’allegria era garantita da canti d’osteria e dal suono di occasionali fisarmonicisti con ballo sull'erba del prato».
Immagini bucoliche di un’Anzasca d’antan.

Video e foto di Lakilavalledelrosa.it