Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

La “Festa di Santitt”

La vita dei piccoli paesi di montagna, delle nostre montagne, è caratterizzata da storiche tradizioni che si tramandano di generazione in generazione.
L’esempio viene da Bannio dove annualmente si celebra la “Festa di Santitt”, Santi Martiri Felice e Vincenzo.

La storia della particolare festa affonda le sue origini molto lontano nel tempo. Nel 1849, nella “Raccolta di varie notizie da Bannio”, il sacerdote Bartolomeo Giovanninetti annotava: «… il motivo che la festa dei santi martiri Felice e Vincenzo fu fissata nella prima domenica di giugno fu per implorare, da detti Santi, oltre alle grazie necessarie, la conservazione dei frutti della campagna e per questo fine fu a pieni voti dai banniesi fissato tal giorno».

Come e perché i corpi dei Santitt arrivarono a Bannio?

Festa

Si narra che l’arrivo in paese dei due corpi dei Santi lo si deve a tale Francesco Maria Ballotta, frate cappuccino che li ha ritrovati a Roma nelle catacombe di San Lorenzo fuori le mura e poi donati alla chiesa di Bannio. Il corpo di San Felice fu spedito da Roma in una cassetta lignea l’8 febbraio 1774 ma fu esposto nella chiesa con una solenne cerimonia solamente il 6 agosto 1776. Invece il corpo di San Vincenzo martire, a causa delle difficoltà dei viaggi di quei tempi, (viaggiò per quasi tre mesi) arrivò in paese successivamente e fu esposto nella parrocchiale il 22 agosto 1776.
Da qualche anno alla “Festa di Santitt” viene unita quella del Corpus Domini.
Alla tradizionale festa, ogni tre anni, si aggiunge una nota caratterizzante la solenne processione: alcuni tratti di strada, fra cui la storica “caral”, sono ornati da candide lenzuola esposte dalle diverse famiglie.
Sono inoltre allestiti alcuni piccoli altari dove il celebrante si ferma ed impartisce la Benedizione con il Santissimo Sacramento.
All’edizione tenutasi domenica scorsa hanno partecipato la rappresentanza della Milizia Tradizionale, il Premiato Corpo Musicale, la Confraternita del Santissimo Sacramento, i “Mateon ad l’arcon” con il tradizionale costume anzaschino e l’intera comunità banniese.
Lo spirito di partecipazione alla vita del paese è stato ben riassunto dal presidente del Corpo Musicale, Thomas Altana: «La Banda, quella "vera", non è presente soltanto nelle grandi occasioni, ma è quella che contribuisce al mantenimento delle tradizioni della propria terra ed è presente "in forza" ad ogni ricorrenza!».

© Foto : La Valle del Rosa

Iscrizione al sito
 

Vi ricordiamo che l'iscrizione al nostro sito è libera ma il download delle pubblicazioni è subordinato alla sottoscrizione della quota annuale nella forma minima stabilita. Per consentirci di verificare nei nostri archivi Vi invitiamo in fase di registrazione ad inserire nel campo "Nome" il vostro Nome e Cognome in modo da permettere alla redazione di qualificare correttamente lo stato dei pagamenti.

Donazioni PayPal
Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della Valle Anzasca.

  • Sede, Direzione, Amministrazione e Redazione presso Ufficio Turistico Macugnaga, Piazza Municipio 6 Macugnaga (VB).

  • Proprietà: Editoriale Il Rosa Soc. Coop. a R.L. 01099590034 - Iscritta al R.I. del VCO al n.01099590034 - Capitale Sociale € 542,45 interamente versato.

  • Distribuzione ad oblazione libera con versamento minimo di 20 euro sui seguenti conti correnti: BANCO POPOLARE - IT 15 P 05034 45480 000000001297 oppure POSTE ITALIANE- IT 27 E 07601 10100 000011367281 per il diritto a ricevere (oppure visualizzare OnLine) le tre pubblicazioni annuali

  • Registrazione Tribunale di Verbania n° 295 del 29 Novembre 1999.

© 2014 - 2018 Editoriale Il Rosa Soc. Coop. a R.L. P.Iva e CF. 01099590034