Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Errore

[sigplus] Critical error: Image gallery folder InvernoSenzaNeve is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

Niente neve nei paesi e piste innevate sopra ai duemilacinquecento metri.

[sigplus] Critical error: Image gallery folder InvernoSenzaNeve is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

Avremo sempre più inverni senza neve? Sarà possibile sciare solo sopra ai 2500 metri?
Secondo quanto pubblicato sulla rivista “The Cryosphere” e redatto da un pool di scienziati e ricercatori europei dell'SLF e dell'SPF di Losanna, l’impatto dei cambiamenti climatici sulle Alpi sarà devastante. Secondo lo studio scientifico ci saranno sempre più vacanze di Natale verdi e senza neve.

Inverni senza neve

Lo scorso mese di dicembre, in quasi tutte le stazioni alpine, è stato il meno innevato dall'inizio delle misurazioni, cioè da circa 150 anni.
Lo studio prosegue dicendo che le Alpi rischiano di perdere fino al 70% della normale copertura nevosa entro la fine del secolo, soglia che potrebbe passare al 30% nel caso l’aumento globale delle temperature restasse sotto i 2°C come previsto dall’accordo di Parigi del 2016.
L’accorciamento o la totale perdita della stagione sciistica sarà il primo effetto dovuto ai cambiamenti climatici. Stazioni sciistiche poste sotto ai 1200 metri scompariranno e solo al di sopra dei 2500 m si potrà avere un sufficiente accumulo di neve naturale.
Il manto nevoso sulle Alpi diminuirà sensibilmente in ogni caso.
Tutto ciò andrà a penalizzare i conti dell’intero comparto turistico invernale gli effetti negativi si ripercuoteranno sull'intera economia. Avremo sempre meno neve e una stagione sciistica più breve.
Dal canto suo, Luca Sergio di MeteoLive Vco segnala: «Secondo le rilevazioni compiute dalla NASA in 6.300 stazioni, le temperature registrate lo scorso gennaio, sono state di 0,92°C oltre la media; i dati sono stati divulgati dal Goddard Istitute for Space.
Negli ultimi anni il gennaio più caldo è stato registrato nel 2016 con 1,12°C oltre la media; al secondo posto gennaio 2007 con 0,96° sopra la media e terzo posto per gennaio 2017 con 0,92° oltre alla media.
Le rilevazioni fanno riferimento al periodo compreso fra il 1880, anno di inizio delle registrazioni delle temperature globali, e il gennaio 2017».

{gallery}InvernoSenzaNeve{/gallery}

Grazie agli amici di macugnaga.net per le foto

Iscrizione al sito
 

Vi ricordiamo che l'iscrizione al nostro sito è libera ma il download delle pubblicazioni è subordinato alla sottoscrizione della quota annuale nella forma minima stabilita. Per consentirci di verificare nei nostri archivi Vi invitiamo in fase di registrazione ad inserire nel campo "Nome" il vostro Nome e Cognome in modo da permettere alla redazione di qualificare correttamente lo stato dei pagamenti.

Donazioni PayPal
Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della Valle Anzasca.

  • Sede, Direzione, Amministrazione e Redazione presso Ufficio Turistico Macugnaga, Piazza Municipio 6 Macugnaga (VB).

  • Proprietà: Editoriale Il Rosa Soc. Coop. a R.L. 01099590034 - Iscritta al R.I. del VCO al n.01099590034 - Capitale Sociale € 542,45 interamente versato.

  • Distribuzione ad oblazione libera con versamento minimo di 20 euro sui seguenti conti correnti: BANCO POPOLARE - IT 15 P 05034 45480 000000001297 oppure POSTE ITALIANE- IT 27 E 07601 10100 000011367281 per il diritto a ricevere (oppure visualizzare OnLine) le tre pubblicazioni annuali

  • Registrazione Tribunale di Verbania n° 295 del 29 Novembre 1999.

© 2014 - 2018 Editoriale Il Rosa Soc. Coop. a R.L. P.Iva e CF. 01099590034