Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Vipera con la pinna o basilisco?

Andare per monti può anche succedere d’incontrare gli “abitanti“ del sito: camosci, caprioli, cervi, scoiattoli, vipere. Di sicuro l’incontro, se improvviso e ravvicinato, può creare magari anche un po’ di spavento più per la sorpresa che per l’effettiva pericolosità.


vipera valbianca foto tiziano del grosso


Certamente l’incontro fatto da Tiziano Del Grosso in Val Bianca nella zona compresa fra l’Alpe Cortelancio (1556 m) e l’Alpe Lavazzero (1964 m) non è stato di quelli rilassanti, ma lui ha trovato sulla sua strada un rettile molto particolare. 

L’animale presenta una testa asimmetrica, un corpo tozzo con sulla schiena una “pinna direzionale” o cresta che lo farebbe vagamente assomigliare al leggendario basilisco. Nonostante l’iniziale spavento/stupore Tiziano è riuscito ad immortalare il rettile.

In riferimento al basilisco, nell’Ossola intera, si raccontano storie fantasiose, mitologiche leggende o mai comprovati avvistamenti.

A Cimamulera si racconta che… la biscia corta con la cresta di gallo viene trasportata dalle nuvole prima del temporale.
A Fomarco si narra di un basilisco avvistato, ucciso e poi portato al Circolo del paese da far vedere agli avventori: aveva la cresta, corto, tozzo, come lo schiacciavi gli uscivano delle piccole ali.

A Folsogno di Re, in località Giavina dla Bisàa, si può incontrare un grosso serpente con cresta e quattro alette, lungo più di mezzo metro. Viene chiamato Sarpent dla Cestra. Il suo morso sarebbe letale, ma anche il solo sguardo provocherebbe gravi turbamenti.

Talora nei racconti: il basilisco è il "re dei serpenti" e ha il potere di uccidere o pietrificare con un solo sguardo diretto negli occhi.
Il basilisco pare che abbia due nemici mortali: le donnole, che però muoiono sempre anche se riescono ad ucciderlo, azzannandolo alla gola, e i galli, il cui canto sarebbe letale al leggendario serpente.

Ma resta la storica e incontestabile foto scattata in Val Bianca… che sia una vipera con la pinna?

Foto: Tiziano Del Grosso
Fonte: Forum lavalledelrosa

Iscrizione al sito
 

Vi ricordiamo che l'iscrizione al nostro sito è libera ma il download delle pubblicazioni è subordinato alla sottoscrizione della quota annuale nella forma minima stabilita. Per consentirci di verificare nei nostri archivi Vi invitiamo in fase di registrazione ad inserire nel campo "Nome" il vostro Nome e Cognome in modo da permettere alla redazione di qualificare correttamente lo stato dei pagamenti.

Donazioni PayPal
Sostieni un giornale libero ed indipendente che vive grazie a volontari, mossi da valori profondi per la cultura alpina. Anticipatamente ti ringraziamo per qualsiasi tipo di donazione.

Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della Valle Anzasca.

  • Sede, Direzione, Amministrazione e Redazione presso Ufficio Turistico Macugnaga, Piazza Municipio 6 Macugnaga (VB).

  • Proprietà: Editoriale Il Rosa Soc. Coop. a R.L. 01099590034 - Iscritta al R.I. del VCO al n.01099590034 - Capitale Sociale € 542,45 interamente versato.

  • Distribuzione ad oblazione libera con versamento minimo di 20 euro sui seguenti conti correnti: BANCO POPOLARE - IT 15 P 05034 45480 000000001297 oppure POSTE ITALIANE- IT 27 E 07601 10100 000011367281 per il diritto a ricevere (oppure visualizzare OnLine) le tre pubblicazioni annuali

  • Registrazione Tribunale di Verbania n° 295 del 29 Novembre 1999.

© 2014 - 2018 Editoriale Il Rosa Soc. Coop. a R.L. P.Iva e CF. 01099590034